Dai dati Istat 2016 sono in aumento la povertà assoluta e relativa delle famiglie. In Italia l’1.5% della spesa sanitaria nazionale è destinato all'odontoiatria pubblica, solo il 40 della popolazione va dal dentista e di questo l’87% viene curato da odontoiatri privati: il 76% dei bambini entro i 5 anni e il 35% dei bambini tra 6 e 10 anni non sono mai stati sottoposti ad un controllo odontoiatrico. La costante contrazione di risorse pubbliche, a fronte di un incremento di bisogni, hanno portato ad un allarmante fenomeno di rinuncia alle cure.

L'assistenza odontoiatrica vede un impegno limitato e una bassa copertura da parte del Servizio Sanitario Nazionale, nonostante le implicazioni di carattere sanitario e sociale, che le patologie odontoiatriche hanno sulla salute generale dei cittadini e che l'accesso alle prestazioni odontoiatriche siano obiettivi prioritari di sanità pubblica, in particolare per i bambini, gli anziani, i malati cronici.

L’obiettivo del progetto è di garantire la cura della bocca della popolazione meno abbiente, compresi i minori poveri e gli immigrati, ed avviare un programma di prevenzione legata all'apprendimento di buone pratiche preventive di igiene e di cura della bocca.

Fare quindi prevenzione e contribuire di conseguenza a ridurre le disuguaglianze sanitarie in ambito odontoiatrico. I bisogni del territorio sono stati identificati attraverso l'analisi della situazione demografica, epidemiologica e socio-economica locale, relativa al settore odontoiatrico. Ciò è avvenuto attraverso una filosofia del tipo botton-up. In particolare si è utilizzata la raccolta ed analisi della domanda sanitaria e sociale per tale territorio attraverso la collaborazione e partecipazione attiva degli attori sociali del territorio interessato.

Beneficiari diretti

  • Minori, adulti ed anziani provenienti dalle fasce deboli della popolazione
  • A regime stimiamo di poter fornire, attraverso la neo costituenda Rete, più di 2.500 prestazioni odontoiatriche gratuite annue

Beneficiari indiretti

  • Il Servizio Sanitario Nazionale
  • Comunità di accoglienza residenziali per minori in carico ai servizi sociali
  • Nuclei familiari in situazione di vulnerabilità socio-economica, anche seguiti nell'ambito delle misure nazionali di inclusione attiva (Sia/Rei)
     

La Società per gli Asili Notturni Umberto I, avvalendosi dell'esperienza maturata ormai da anni dallo studio dentistico a prestazioni gratuite operante presso la Sede di Torino e confortata dalla forte capacità aggregativa di volontariato specialistico di settore, ha deciso di ampliare la sua operatività in questo specifico settore di assistenza attraverso l'apertura di nuovi studi dentistici nelle città di Perugia, Massa Marittima, Genova e Ivrea, che si andranno ad affiancare a quello della Sede principale e a quelli di Camerano e Pinerolo creando così, unico esempio in Italia, una rete pluriregionale di assistenza gratuita specialistica in questo settore.

Il miglioramento della salute della bocca attraverso la terapia del dolore e interventi conservativi (otturazione, endodonzia e ricostruzione) e, di conseguenza, della salute in generale con relativo miglioramento della qualità della vita. Un efficace intervento di prevenzione primaria (ablazione tartaro, motivazione e istruzione al mantenimento delia buona igiene orale). Benefici cognitivi dell'utenza (miglioramento dell'autostima, del benessere globale, riduzione dell'isolamento sociale). Ritorno economico indiretto (riduzione dei costi del Servizio Sanitario Nazionale).

A regime si stima di poter trattare, attraverso la neo costituenda rete, oltre 1.000 pazienti/anno per un totale di oltre 2.500 prestazioni complessive.

Attività

  • Comunicazione e invio di un pieghevole informativo al Pufficio U.R.P. dell’ USL delle città e Regioni Interessate, allo scopo di rendere accessibile il servizio ai cittadini delle fasce deboli
  • Diffusione di materiale informativo nei servizi sociali territoriali e nelle associazioni di volontariato dei Comuni interessati
  • Realizzazione di eventi informali, nelle singole “locations”, per pubblicizzare e rendere nota l'iniziativa in collaborazione con gli Asili Notturni Umberto I
  • Inserimento di una notifica dell’iniziativa nel sito internet degli Asili Notturni Umberto I e pubblicazioni sui quotidiani regionali, e riviste di settore

Monitoraggio risultati
Sono previste delle azione finalizzate a valutare il successo o l'eventuale Insuccesso dell'Iniziativa in oggetto. La valutazione si esprime per mezzo di un processo valutativo-ex-ante, in- itinere, ed ex-post del servizio offerto. Verrà effettuata l'analisi dei risultati attesi relativi al mantenimento e alla tutela della salute della bocca, traducibile in:

  • terapia del dolore
  • interventi conservativi, otturazioni, endodonzia e ricostruzione
  • prevenzione primaria intesa come ablazione del tartaro e interventi di educazione sanitaria atti a motivare l'utenza a mantenere una buona igiene orale
  • benefici cognitivi
  • ritorno economico relativo agli interventi suppletivi che riducono la spesa pubblica del
  • analisi dell'incidenza-prevalenza delle malattie odontoiatriche a livello territoriale (e regionale)
  • successivo questionario di valutazione per misurare il livello di soddisfazione dell'utenza per il servizio offerto


Il progetto riprende e sviluppa l'attività operativa nel settore dell'odontoiatria sociale già in essere nella Sede Torino degli Asili Notturni e presso gli studi di Camerana e Pinerolo (quest'ultimo di recentissima apertura)

Per le attrezzature oltre il 70% sono già state oggetto di acquisto ovvero messa a disposizione da benefattori privati. I locali che saranno adibiti a studio sono già a disposizione, si tratta prevalentemente di entità abitative accordate in "comodato gratuito" da privati e Enti pubblici locali. La ristrutturazione, supportata anche dal contributo del volontariato locale, sta procedendo nei tempi previsti e copre già più del 50% dell'intero progetto.

Nome del progetto: Ti ridiamo un sorriso. Rete di odontoiatria Sociale
Organizzazione proponente: Società per gli Asili Notturni Umberto I
Data di avvio: 01/01/2017
Data di conclusione: 01/06/2019 stimata